Ristrutturazione

Cosa significa ristrutturare casa? Significa modificarla, renderla migliore, cambiare la sua immagine senza però “snaturarla”. Significa prendersi cura di uno dei tuoi beni più preziosi. Cura che non si può improvvisare ma che richiede un’adeguata progettazione. L’impresa infatti è complessa e i risultati sono incerti: ci sono i problemi legati all’invecchiamento naturale degli edifici e al deperimento dei materiali, poi ci sono le nuove esigenze, come l’efficenza energetica e le ultime norme. E’ importante non essere soli in questo percorso di riqualificazione e PRIME HOME ti accompagna mettendo a disposizione le competenze e l’esperienza dei suoi esperti ascoltando ogni tua richiesta.progetta la tua casa da Prime Home

Ristrutturare è sinonimo di rimettere in sesto, rendere nuovamente abitabili e godibili gli spazi e gli elementi dell’architettura, mutarli, dargli nuova vita. La ristrutturazione è un atto di trasformazione, un gesto (quasi) radicale e tale da riuscire a cambiare completamente gli ambienti. E’ importante farlo senza trascurare quella che è la natura dell’abitazione, il suo carattere.

Quando si ristruttura si dà nuova vita alla casa, la si rimette in piedi, si dà nuova linfa alle stanze e quindi al nostro modo di abitarle e viverle. Le idee per ristrutturare si sprecano: si può modificare un dettaglio, demolire pareti, cambiare la destinazione d’uso di una stanza fino a una metamorfosi ancora più radicale. Ristrutturare è un atto creativo: si progetta, si reinterpreta, si modifica, si rinnova.

Un tempo ristrutturare era considerata una pratica quasi secondaria rispetto alla realizzazione ex novo della casa, oggi non è più così: la ristrutturazione è infatti una pratica sempre più diffusa che interpreta l’esistente e lo adatta, dandogli nuova vita. Pratica che segue proprie regole ben precise, vietato quindi improvvisare: si mutano i codici dello spazio, dell’arredamento, i dettagli, i materiali e questo comporta attenzione al passato, a com’era l’abitazione, ma con un slancio verso il futuro, a come vorremmo che fosse la nostra casa.pavimenti in ceramica

Quando si ristruttura è fondamentale mettere in conto una pianificazione realizzata alla perfezione. Rischiamo altrimenti che il nostro cambiamento diventi un incubo perdendoci tra idee, misure, leggi e pratiche burocratiche. E’ quindi importante affidarsi a esperti e professionisti che ci guidino e ci aiutino a interpretare prima, e realizzare poi, le nostre idee.

C’è la manutenzione ordinaria: quando si mantiene l’efficenza dell’abitazione. Il rifacimento dell’impianto elettrico, dei sanitari del bagno, la sostituzione delle piastrelle o dell’intonaco e la sostituzione degli infissi. Ciò che conta è che venga mantenuto l’impianto distributivo della casa, questi interventi infatti non hanno bisogno di autorizzazione edilizia (a meno che non si tratti di edifici vincolati alla sovraintendenza ai beni architettonici).
Poi c’è la manutenzione straordinaria: opere per mantenere la casa in buono stato come la sostituzione di parti strutturali per creare nuovi impianti. Esistono poi interventi di restauro conservativo per garantire l’integrità materiale del bene. Qui si può variare in parte o totalmente la destinazione d’uso dell’edificio. Infine, la ristrutturazione edilizia che revisiona integralmente l’immobile, cambiandone la forma, il volume, la superficie o la destinazione d’uso: parliamo di opere di demolizione e ricostruzione totale o la nascita di un immobile differente dall’originale.